Parliamo di virtù

Virtù_e_due_scene_03

Delle quattro virtù cardinali nei tarocchi sono presenti la Forza (la carta n. VIII del mazzo Rider Waite), la Giustizia (la carta n. XI del mazzo Rider Waite) e la Temperanza (la carta n. XIV).  Non è presente la Prudenza.

Ma cos’è la virtù? Se da una parte pensando alla qualità di questa parola ci vengono alla mente sacrifici e fatiche allo scopo di essere “più buoni”, dall’altra ci arrivano immagini di purezza e santità. Proviamo ad andare oltre tutti questi condizionamenti,questi bei dipinti che coprono la verità. Aristotele  nell’Etica Nicomachea cita un proverbio:

Nessuno è deliberatamente miserabile né involontariamente felice.

Secondo Aristotele, infatti, l’esercizio abituale delle virtù è una via volontaria alla felicità; gli accidenti succedono inevitabilmente, nel corso della nostra esistenza, ma per mezzo dell’esercizio delle virtù possiamo cercare una via alla felicità.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.