La lettrice di Tarocchi

autrice:  Jeanne Kalogridis  Edizioni TEADUE  – Milano, ottobre 2013 – 

pagine 499


La lettrice di Tarocchi è un romanzo storico in cui la storia di Caterina Sforza, personaggio descritto come donna di grande potere e forza, è raccontata attraverso le parole e le esperienze della sua cara sorella e collaboratrice, Dea.

Dea non è realmente esistita, ma dà la possibilità all’autrice di narrare il mondo magico che era tenuto in grande considerazione nel periodo a cavallo fra Umanesimo e Rinascimento, cioè nel XV secolo. Dea infatti ha il talento, ereditato dalla madre,  di interpretare i simboli dei Tarocchi, anche se usa questa sua capacità di rado e con molta parsimonia.

Nel romanzo, che si svolge fra Milano, Forlì, Faenza Firenze e Roma,  appaiono i Medici, Caterina Sforza, i Borgia.  Tutto sommato mi è sembrato un quadro plausibile del periodo storico e dei personaggi.

La struttura molto fluida della scrittura di Jeanne Kalogridis rende la lettura piacevole. L’autrice si sofferma, per quanto riguarda i Tarocchi, su due carte in particolare: l’Appeso e la Torre. Sono in effetti le chiavi per gli avvenimenti intrinseci al racconto, che si snoda nel periodo storico in modo agevole.

Lettura consigliata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.