La Danza delle Carte di Corte: bastoni

La corte di Bastoni

La corte di Bastoni è fatta di gente che guarda al sodo: per ognuna di queste carte l’importante è la realtà, con i suoi risvolti, ma decisamente legata alla terra, alla vitalità.

Infatti portano bastoni che sono doni della terra, come i talenti. Sono anche in grado di farli germogliare, questi bastoni.

Il Fante aspira a creare un gruzzolo per il suo futuro, il Cavaliere si infiamma e cerca soluzioni aggressive ai problemi,la Regina fa pozioni magiche per ottenere quello che desidera, il Re gode dei beni terreni che è riuscito ad accumulare nella vita.

Corrispondono ai segni di Terra, nel panorama astrologico, vale a dire Toro, Vergine e Capricorno.

I cinque negli arcani minori

I cinque negli arcani minori

Queste carte rappresentano sempre qualcosa di impegnativo. Il cinque è il numero della crisi, dopo la stabilità del quattro e prima della complessità del sei. Le emozioni abbinabili a queste carte sono l’abbandono (il cinque di spade), il conflitto con gli altri ( il cinque di bastoni) il senso di colpa (cinque di coppe) e la fatica nel raggiungere gli obiettivi (il cinque di denari). Tutte carte faticose, che rappresentano il momento in cui è necessario tenere duro per un motivo o per un altro.

Con il cinque di spade ci sentiamo abbandonati dagli amici, che si sono offesi per un nostro comportamento, a torto o a ragione. Con questa carta non è importante chi dice la verità, importa solo il senso di abbandono che si prova a rimanere soli e svergognati.

Con il cinque di bastoni gli amici, con cui eravamo andati a passeggiare nel bosco,improvvisamente si sono messi a litigare e anche noi siamo coinvolti nella baruffa, anche se non vorremmo.

Il cinque di coppe è la carta di chi piange sul latte versato. Ci sentiamo in colpa per aver combinato un guaio e non sembra ci siano soluzioni, al momento. Possiamo solo aspettare la reazione da parte degli altri alle nostre malefatte.

Infine, il cinque di denari ci porta affaticati, stanchi, bagnati di pioggia e di neve a camminare trascinandoci lungo le strade nella notte, fra mille pericoli e con la stanchezza nelle ossa.Dietro l’angolo però c’è la porta del tempio, i nostri sforzi sono quasi giunti al termine, fra poco ci potremo riposare.